La Giornata mondiale della Terra fu celebrata a livello internazionale per la prima volta il 22 aprile 1970 quando 20 milioni di cittadini americani, rispondendo a un appello del senatore democratico Gaylord Nelson, si mobilitarono in una storica manifestazione a difesa del nostro pianeta.
Da allora l’Earth Day è diventata una festa celebrata ogni anno dalle Nazioni Unite, riconosciuta da ben 190 nazioni e a cui prendono parte quasi mezzo miliardo di persone.
L’obiettivo della campagna dell 2017 è raggiungere un miliardo di azioni per ridurre le emissioni di CO2 prima del Summit della Terra (14 – 16 maggio 2012, Rio de Janeiro) e dimostrare così il tipo di impatto ambientale che si può ottenere quando milioni di persone, associazioni e aziende si assumono degli impegni, piccoli o grandi che siano, per migliorare l’ambiente. Ogni singolo cittadino può contribuire svolgendo azioni semplici e quotidiane come, per esempio, consumare più cibo locale.